Come proteggere la casa senza far ricorso a pesanti interventi sulle strutture?

Poxinet proteggere la casa

Poxinet proteggere la casaQuando si decide d’installare un impianto antifurto per proteggere la casa, spesso i normali sistemi di allarme intrusione richiedono pesanti interventi sulle strutture dell’abitazione. Per risolvere questo problema, Came presenta la nuova centrale antintrusione radio programmabile della linea Bpt Proxinet W2, che completa la gamma Proxinet, sostituendo il modello precedente con nuove funzionalità.

Caratterizzata da prestazioni elevate, da un design studiato nei minimi dettagli e da semplicità d’installazione, la centrale Proxinet W2 è dotata di 99 ingressi radio e 6 ingressi filo e può essere installata a vista, in quanto s’integra perfettamente in ogni ambiente e arredo.

L’impianto può essere gestito e supervisionato dall’utente attraverso la tastiera e il display, mentre la centrale incorpora anche una sirena per interni e un lettore a transponder che, utilizzando un’apposita chiave, consente di accendere e spegnere, completamente o in modo parziale, il sistema di allarme intrusione. La comunicazione della centrale Proxinet W2 con tutti i dispositivi della gamma radio avviene in modalità bidirezionale Dual Band.

Quando, malauguratamente, il sistema registra un tentativo di effrazione, il comunicatore telefonico PSTN integrato all’interno della centrale trasmette una serie di allarmi in formato vocale o digitale agli Istituti di vigilanza precedentemente indicati in fase di configurazione. I messaggi possono essere preparati con la specifica funzione TTS (Text To Speech), che trasforma in messaggio vocale un testo precedentemente scritto, oppure possono essere registrati attraverso l’apposito microfono.

Proxinet W2A completamento della centrale Proxinet W2, può essere installato il modulo GPRS PXGPRS, che è in grado sia di trasmettere gli allarmi in SMS, anche attraverso la rete GSM, sia di mettere a disposizione elevate funzionalità di connessione, tramite le quali è possibile il collegamento Internet al Cloud Came per gestire da remoto, con un’apposita App, l’intero sistema di allarme intrusione. Dotata di mappe grafiche, l’applicazione rende la gestione del sistema semplice e intuitiva, mentre gli impianti meno complessi, in cui non è richiesto collegamento al Cloud, possono, invece, essere controllati attraverso SMS.

Sfruttando la connessione alla rete LAN, la centrale può essere connessa anche al sistema domotico Came Domotic 3.0, per ottenere un controllo centralizzato e una completa integrazione tra i due sistemi.
In caso di allarme, grazie a rivelatori con fotocamera, la centrale svolge anche la funzione di video verifica, realizzando una sequenza di foto o un filmato all’interno della zona protetta che possono essere inviati all’utente tramite MMS, e-mail o memorizzati sul Cloud, dopo aver notificato l’evento.

 

Informazioni su Maurizio Gambini 267 Articoli
Ingegnere elettronico, giornalista pubblicista che da molti anni lavora nel settore della comunicazione tecnica.