Phoenix Contact: soluzioni di connessione

Sistemi di connessione Phoenix Contact

Sistemi di connessione Phoenix ContactRapidità e semplicità di applicazione sono le caratteristiche principali richieste dagli utilizzatori alle soluzioni di connessione, che svolgono un’importante funzione negli impianti di ogni tipo: Phoenix Contact ha raccolto questa esigenza e propone un’ampia gamma di connettori.

Modularità dai connettori con telaio snap in

Utilizzabili per la trasmissione di potenza, segnali e dati, i nuovi inserti porta contatti Heavycon modulari di Phoenix Contact sono rapidi e semplici da utilizzare, con i moduli che s’inseriscono nell’innovativo telaio snap in, posizionati e fissati con precisione grazie alle molle di ritenuta. Moduli già assemblati possono essere inseriti successivamente in custodie da incasso premontate.

Nella versione di potenza a cinque poli, con tecnica di connessione push in, il trefolo, provvisto di capocorda, può essere inserito direttamente nella sede di contatto, mentre, per la trasmissione sicura di dati, sono disponibili sia i moduli dati RJ45 per cavi patch, sia i connettori industriali RJ con tecnica di connessione rapida Quickon. Anche i cavi in fibra ottica preassemblati con contatti SC ed LC possono essere inseriti nei moduli LWL corrispondenti. Tutti i diversi moduli – per segnali, dati, potenza e pneumatica – possono essere combinati in modo flessibile in un unico telaio.

Collegamenti rapidi con i connettori schermati SACC

La tecnica di connessione rapida IDC di Phoenix Contact dei connettori schermati M12 consente un rapido assemblaggio grazie alla semplicità di preparazione del cavo e d’uso del connettore, costituito da due soli elementi: nel caso di conduttori schermati, è sufficiente rimuovere solo la guaina esterna e la calza di schermatura, lasciando intatti i trefoli.

Il connettore può ospitare sezioni di collegamento da 0,14 mm² a 0,75 mm², mentre anche il diametro massimo esterno del cavo è stato portato fino a 9,7 mm, consentendo l’assemblaggio sul campo della maggior parte delle linee di segnale e di dati oggi utilizzate. I colori dei singoli fili sono differenziati e normalizzati in funzione del tipo di cavo e devono essere assegnati nell’area di connessione, dove trovano corrispondenza come codifica sia cromatica, sia numerica. Tutte le comuni codifiche, quali A, B, D ed X, sono disponibili per la trasmissione di segnali e dati fino 10 GBit/s.

Sistema per piccole sezioni

Anche per sezioni di conduttori da 0,5 mm2 a 1,5 mm2, Phoenix Contact mette a disposizione il sistema di installazione QPD con tecnica di connessione rapida IDC Quickon, una compatta linea di prodotti particolarmente indicata per applicazioni con spazio limitato per il montaggio.

Ampliata, quindi, la copertura dell’intera gamma che ora supporta sezioni da 0,5 mm2 fino a 6 mm2 ed è adatta a potenze fino a 690 V/40 A nella distribuzione di energia nelle macchine, negli impianti e negli edifici cablati. Semplice l’installazione, per effettuare la quale è sufficiente rimuovere la guaina del cavo, posizionare i fili nel corpo di giunzione, tagliarli a misura e avvitare, senza l’impiego di utensili speciali. 

I prodotti soddisfano i requisiti dei gradi di tenuta IP68/IP69K e di resistenza agli urti IK07, con un assortimento che comprende: passa parete, connettori per cavi e a innesto, ripartitori ad H e distributori a T.

Maurizio Gambini
Informazioni su Maurizio Gambini 267 Articoli
Ingegnere elettronico, giornalista pubblicista che da molti anni lavora nel settore della comunicazione tecnica.