Come controllare l’assorbimento elettrico dei motori asincroni trifase

soft-start per motori asincroni trifase

soft-start per motori asincroni trifaseNel corso degli ultimi tre anni, la società Ing. Enea Mattei, specializzata nella progettazione, produzione e commercializzazione su scala mondiale di compressori rotativi a palette, ha dotato i propri prodotti su cui sono installati motori asincroni trifase con il sistema “Soft-Start”, che consente un efficace controllo dell’assorbimento elettrico.

Nato dalla collaborazione con la Allen-Bradley, marchio di Rockwell Automation che si occupa di automazione industriale, il progetto nasce con l’obiettivo specifico di ridurre lo spreco energetico che normalmente si verifica all’avvio di un motore elettrico.

In questa fase, infatti, si verificano picchi di assorbimento di corrente 8 volte superiori al valore nominale, che non solo incidono negativamente sulla bolletta elettrica, ma possono anche portare all’applicazione di sanzioni da parte dall’Ente Distributore dell’energia elettrica.

Il particolare sistema “Soft-start” consente di avviare il motore elettrico senza stress meccanici e con un assorbimento elettrico controllato, garantendo una notevole fluidità sia nella fase di avvio, sia in quella di spegnimento del motore.

Un progetto che viene da lontano, come spiega l’ing. Alberto Del Grossi, responsabile Operations di Mattei: «I primi esperimenti risalgono ormai a cinque anni or sono, sui compressori da 110 e 160 kW. I positivi riscontri ottenuti, ci hanno portato poi ad estendere l’applicazione del sistema a tutte le altre serie: a breve sarà completata anche la serie 2000».

1. Maxima75In tutti questi anni, Allen-Bradley è stata al fianco della Mattei. «Dopo gli studi di fattibilità e le sperimentazioni, abbiamo condotto con Mattei un periodo di prova sulle funzionalità elettriche e meccaniche della soluzione adottata, verificandone l’accoglienza da parte del mercato», spiega Marco Turconi, Field Business Leader in Italia della divisione Components & Power Products di Rockwell Automation. «I riscontri sono stati positivi e la nostra apparecchiatura elettronica è stata gradualmente estesa a tutta la gamma Mattei con motori asincroni trifase».

Ma i vantaggi della nuova soluzione non si fermano qui. Oltre a garantire fluidità nella fase d’avvio e controllo dell’assorbimento elettrico, la collaborazione con la Allen-Bradley si è rivelata vincente anche sotto il profilo dell’affidabilità, come precisa Del Grossi: «In questi anni non abbiamo mai registrato guasti o inconvenienti di funzionamento, e le prestazioni sono state particolarmente apprezzate dai nostri clienti. Merito dell’ottima collaborazione tecnica che si è instaurata tra fornitore e costruttore all’interno di un percorso che ci ha visto, entrambi, focalizzati su un obiettivo comune».

 

Maurizio Gambini
Informazioni su Maurizio Gambini 267 Articoli
Ingegnere elettronico, giornalista pubblicista che da molti anni lavora nel settore della comunicazione tecnica.