Come la rivoluzione dell’Internet of Things influenzerà il futuro della domotica?

massimo valerii knx italia

internet of things revolution al knx dayCon il titolo: “IoT Revolution: L'Internet of Things abbraccia l’edificio”, si è svolto venerdì 30 settembre 2016 presso l’Auditorium San Barnaba di Brescia il tradizionale incontro del KNX DAY Italia 2016, che ha radunato progettisti, installatori, system integrator e altri operatori attivi nel mondo KNX.

Obiettivo dell’evento era quello di mettere a disposizione dei partecipanti gli elementi per comprendere in modo chiaro in cosa consiste realmente questa rivoluzione non solo tecnologica, ma soprattutto culturale, rappresentata da IoT e Cloud Services. In particolare, in relazione a come tutto questo potrà influenzare il sistema nervoso tecnologico dell’edificio, da un punto di vista sia funzionale, sia per il “modello di business”.

Il ricco programma dell’incontro ha evidenziato come l’Internet Of Things e i Cloud Services stiano entrando in modo pervasivo nella nostra vita quotidiana. Sono cambiati i nostri modelli cognitivi e percettivi, come sottolineato dal filosofo/scrittore Franco Bolelli. La rete e i social hanno completamente cambiato la nostra vita. Non facciamo più gli stessi gesti e non utilizziamo più gli stessi linguaggi di 10 anni fa. È cambiata anche la nostra idea di futuro, perché l’evoluzione ha modificato sia gli strumenti con cui prevedere cosa ci aspetterà, sia la velocità con cui cambia il presente. Per molti aspetti, il futuro arriva prima di quanto noi riusciamo a prevederlo: viviamo in una sorta di futuro istantaneo, in cui la relazione tra biologico e tecnologico, tra natura e prodotti dell’attività umana deve portare a una evoluzione integrata. Tra non molto tempo, i miliardi di macchine che si parleranno tra loro, ci costringeranno a reinventare completamente il modo con cui comunichiamo tra di noi. Siamo in una situazione oggi in cui dobbiamo ripensare le forme stesse delle nostre relazioni; dobbiamo capire che il mondo in cambiamento chiede a noi di reinventarci completamente. Siamo davanti alla sfida più entusiasmante che gli umani abbiano mai dovuto affrontare nella loro storia.

massimo valerii knx italiaAccanto a questa evoluzione antropologica, un nuovo modello di business si sta diffondendo nel mercato, fondando il suo successo sul binomio indissolubile di “Prodotto+Servizio”. In questo processo, la Domotica non sarà esclusa, anzi IoT e Servizi Cloud rappresentano un’opportunità per rendere più agevole e semplice l’integrazione tra sistemi diversi.

E anche KNX si adegua a questo cambiamento – come ha illustrato l’ingegner Massimo Valerii – e con KNX Web Services ha scelto di diventare un oggetto IoT rendendo disponibili le informazioni dell’impianto in un formato compatibile con le tecnologie standard del mondo dell’informatica.

L’evento è stato anche l’occasione per la consegna dei Premi KNX Italia 2016, riconoscimenti assegnati ai migliori progetti KNX che si siano distinti in termini di innovazione ed eccellenza realizzativa, nelle cinque differenti categorie: Miglior Progetto per l’Efficienza energetica; Miglior Progetto per il Sociale; Miglior Progetto per le strutture ricettive; Miglior Progetto per la Pubblica Amministrazione; Miglior Progetto Nazionale.

 

Maurizio Gambini
Informazioni su Maurizio Gambini 267 Articoli
Ingegnere elettronico, giornalista pubblicista che da molti anni lavora nel settore della comunicazione tecnica.