Energia elettrica: cresce la domanda sostenuta dalle rinnovabili

Aumento del 4% della domanda globale di energia elettrica secondo il “Global Energy & CO2 Status Report” della IEA. Le rinnovabili giocano un ruolo fondamentale.

energia elettrica

Cresce la domanda di energia elettrica nel mondo. Lo conferma l’Agenzia energetica internazionale (IEA) attraverso il “Global Energy & CO2 Status Report” secondo cui la richiesta globale ha fatto segnare un +4% nel 2018 quasi il doppio della domanda globale di energia (+2,3%). Le energie rinnovabili, insieme al nucleare, hanno soddisfatto la maggior parte della crescita della domanda. Tuttavia, la produzione da centrali a carbone e a gas è aumentata notevolmente, facendo aumentare del 2,5% le emissioni di CO2 del settore.

Energia elettrica, il peso delle rinnovabili

La domanda globale di energia elettrica nel 2018 è dunque aumentata, raggiungendo i pari a 900 TWh, con una crescita quasi doppia rispetto alla domanda complessiva di energia e la più rapida dal 2010, quando l’economia globale si è ripresa dalla crisi finanziaria. A soddisfare la maggior parte di questo incremento di richiesta elettrica hanno provvedo in buona parte le rinnovabili.

La crescita della produzione di energia rinnovabile ha accelerato al 7% nel 2018, dal 6% nel 2017, e ha soddisfatto il 45% della crescita della domanda globale di energia elettrica”, si rileva nel report, specificando anche come abbia raggiunto livelli record in vari Paesi. Tra questi la Germania, dove per la prima volta la produzione di energia elettrica da sole, vento, acqua e altre fonti green ha superato quella a carbone. Un ottimo riscontro si è registrato anche nel Regno Unito, dove le rinnovabili hanno prodotto il 35% della produzione totale di 335 TWh.

Fotovoltaico, idroelettrico ed eolico rappresentano ciascuno il 30% della crescita della produzione di energia elettrica rinnovabile a livello globale, mentre le bioenergie rappresentano la maggior parte della quota rinnovabile rimanente.

La crescita del solare nel mix elettrico OCSE

A proposito di elettricità, pochi giorni fa la IEA ha pubblicato un’analisi intitolata “Key electricity Trends 2018” focalizzato sull’OCSE, in cui si rileva che la quota percentuale delle rinnovabili nella domanda complessiva è passata dal 17,6% del 2008 al 27,4% nel 2018.

Di questo mix il ruolo più importante è dell’idroelettrico (13,8%), seguito da eolico (7%) e solare (3%). Quest’ultima fonte ha però fatto registrare l’incremento più elevato nel 2018 rispetto al 2017 su tutte le fonti di energia elettrica. Essa è passata da 274 TWh a 325,8 TWh, facendo segnare un +18,9%.

 

Mix energetico paesi OCSE, 2018. Fonte: IEA “Key electricity trends”
Mix energetico paesi OCSE, 2018. Fonte: IEA “Key electricity trends”

A guidare questa crescita sono stati gli Stati Uniti (+18,2 TWh, +25,2%), il Giappone (+12,9 TWh, +21,8%) e la Germania (+6,9 TWh, +17,4%). La maggior parte dei paesi OCSE ha registrato tassi di crescita a due cifre, alcuni addirittura superiori, mostrando la forte spinta in alcuni Paesi a favore di questa tecnologia.

Elettricità: il gas naturale supera il carbone

In generale, si rileva come il gas naturale abbia superato per la prima volta il carbone quale principale fonte di elettricità, rappresentando il 27,4% del mix, contro il 25,4% del carbone.

In generale, la quota più importante in questo incremento di produzione dal 2017 al 2018 proviene dagli Stati Uniti, dove si registra la forte crescita di produzione da fonti non rinnovabili.

Al contrario, la produzione di energia “pulita” sta crescendo rapidamente in Europa, come riflesso degli sforzi politici per decarbonizzare il mix elettrico. Lo stesso vale per l’Oceania, dove la produzione di energia elettrica non rinnovabile è diminuita di 12,4 TWh, soprattutto nel carbone e nel petrolio, mentre la produzione da tecnologie di energia rinnovabile è cresciuta notevolmente (+24,5 TWh).

Redazione
Informazioni su Redazione 826 Articoli
La redazione di ElettricoMagazine è composta da esperti di settore e technical writers che approfondiscono i temi legati all'integrazione impiantistica e connessa, l'energia, il comfort e la sostenibilità.